Principio Vibrazionale dei Fiori di Bach

Vibrazionale

Senza entrare troppo nel dettaglio, perché l’argomento esula dallo scopo di questa dispensa e perché siamo lontani da qualcosa di dimostrabile scientificamente (come d’altronde l’intera floriterapia), vorrei dare una possibile spiegazione sul come e sul perché agiscono i Fiori di Bach. Mi vorranno scusare i puristi della materia per le estreme semplificazioni adottate.

Nell’universo tutta quella che noi abitualmente chiamiamo materia è in realtà la sovrapposizione di due componenti, una concettualmente simile alle particelle elementari che abbiamo in mente tutti noi e l’altra è una componente vibrazionale ondulatoria: tipico esempio è la natura duale della luce, che può presentarsi come onda o come particella. La materia non emette vibrazioni, come sostengono molti, e neppure vibra, ma la vibrazione è costituente intrinseca della materia.

Ogni particella nell’universo vibra secondo una sua particolare frequenza e forma d’onda; un atomo, formato dall’insieme di alcune particelle, vibra con un’onda data dalla somma delle onde costituenti, modificate però dall’interazione reciproca. Lo stesso effetto è dato dagli atomi che formano una molecola, dalle molecole che formano una cellula, dalle cellule che formano un tessuto, dai tessuti che formano un organo e così via. Il nostro organismo non si limita però al solo corpo fisico, ma comprende almeno un corpo emozionale, un corpo mentale ed un corpo spirituale (alcuni aggiungono il corpo energetico – eterico tra il fisico e l’emozionale). Questo organismo lo possiamo immaginare come un orchestra che suona una stupenda sinfonia. Per i motivi più diversi, ma sempre seguendo una profonda legge di intelligenza e di economicità, alcuni strumenti possono scordarsi o tendere costantemente a scordarsi di nuovo appena li abbiamo riaccordati. I Fiori di Bach rappresentano le armoniche perfette di questi strumenti che come diapason possiamo avvicinare agli strumenti scordati e questi torneranno a suonare in accordo. Se abbiamo due strumenti scordati noi diamo due fiori e le due armoniche si sovrappongono, generando un’onda diversa dalle due separate: se in un punto la prima onda ha una cresta e la seconda una pancia l’onda risultante avrà forma piatta. Per questo motivo, più fiori mettiamo insieme e più attenuiamo gli effetti di ogni singolo fiore, ma otteniamo effetti non presenti in nessuno dei fiori di partenza. Il Rescue Remedy è un eccellente esempio di quanto appena detto: ha perso alcune caratteristiche dei singoli fiori e ne ha acquistate di nuove, non presenti nei fiori di partenza; esso è da considerare, sotto molti aspetti, come un fiore a sé stante e non come l’insieme di 5 fiori: se uno assume il Rescue può essere opportuno somministrare insieme anche uno dei 5 fiori di cui è composto.

Per questo motivo quando proponiamo un rimedio è importante capire, al di là di tutti i fiori di cui la persona può aver bisogno, qual è o quali sono i fiori più importanti, perché un fiore unico avrà la massima efficacia mentre 5 fiori insieme avranno uno spettro molto maggiore, ma meno efficace.

Indice Fiori di Bach

 

e-mail

Tutti i testi e le immagini del presente sito sono soggetti a copyrigth e non possono essere copiati o utilizzati senza l'espresso consenso dei curatori e responsabili del sito. I termini guarigione e salute sono da intendere come benessere psicofisico, pace interiore, armonia, evoluzione. Leggi il DISCLAIMER